Vegas ha vinto il jackpot e ha battuto la Florida per vincere la Stanley Cup

  • Vegas ha vinto la prima Stanley Cup nella storia della franchigia
  • Stone ha segnato una tripletta nel gioco decisivo per la serie
  • Marchessault è stato nominato il giocatore più prezioso dei playoff

13 giugno (Reuters) – I Vegas Golden Knights hanno centrato il jackpot finale della National Hockey League martedì, battendo i Florida Panthers in visita per 9-3 e vincendo la Stanley Cup per la prima volta nei sei anni di storia del franchise di espansione.

Con la vittoria, i Golden Knights, testa di serie della Western Conference, hanno concluso la loro serie di campionati al meglio delle sette partite per 4-1, scatenando festeggiamenti negli hotel e nei casinò della famosa Strip di Las Vegas.

Il capitano di Las Vegas Mark Stone aveva tre gol, mentre Nicholas Hack, Alec Martinez, Reilly Smith, Michael Amadio, Ivan Barbashev e Nicholas Roy ne avevano uno ciascuno.

“Non posso descrivere le sensazioni nel mio stomaco in questo momento. Tutto quello che puoi immaginare”, ha detto Stone.

“La fatica di una stagione di 82 partite, quattro turni di playoff, macini, macini, macini. Alla fine, siamo l’ultima squadra in piedi. È incredibile”.

L’attaccante di Las Vegas Jonathan Marchessault, che ha segnato 25 punti nella postseason, ha ricevuto il Conn Smyth Trophy come giocatore più prezioso dei playoff della Stanley Cup.

Per la Florida, è entrata nei playoff come wild card finale nella Eastern Conference e poi ha sconfitto tre dei primi quattro club della NHL raggiungendo le finali della Stanley Cup per la prima volta dal 1996.

La sconfitta dei Panthers è arrivata il giorno dopo che i Miami Heat hanno perso contro i Denver Nuggets nelle finali NBA, e ha posto fine a due mesi affascinanti in cui le due squadre dell’ottava testa di serie hanno impressionato il sud della Florida.

READ  Vaticano: Papa ok a lasciare ospedale, mangiare pizza, battezzare bimbo

La vittoria di Las Vegas corrispondeva all’audace previsione del proprietario dei Golden Knights Bill Foley secondo cui il team di espansione avrebbe vinto la Stanley Cup entro le prime sei stagioni.

Ha detto il commissario della NHL Gary Bettman prima di presentare la Stanley Cup a Stone. “Las Vegas non è solo una città di hockey, è una città di campionato.”

Probabilità lunghe

La NHL ha assegnato il franchise di espansione a Las Vegas nel giugno 2016 ei Golden Knights hanno goduto di una straordinaria stagione di debutto 2017-18, raggiungendo le finali della Stanley Cup dove hanno perso contro i Washington Capitals in cinque partite.

Ma questa volta i Golden Knights hanno sfruttato al massimo le finali della Stanley Cup, vincendo le prime due partite in casa e dividendosi le due successive in Florida.

I Panthers sapevano di dover affrontare lunghe difficoltà per reagire nella serie. Delle sette finali della Stanley Cup, le squadre che si sono portate in vantaggio per 3-1 hanno vinto 36 volte su 37.

L’unica squadra in rimonta furono i Toronto Maple Leafs del 1942, che seguirono i Detroit Red Wings 3-0.

Dopo un inizio teso martedì, Vegas ha preso il controllo oltre la metà del primo periodo, quando Stone ha segnato un gol da short-handed e Hack li ha portati sul 2-0 a meno di due minuti dall’inizio della partita.

READ  Jamie Foxx ha avuto un problema medico, dice la figlia - The Hollywood Reporter

Aaron Ekblatt ha portato i Panthers sul tabellone all’inizio del secondo, ma Vegas ha segnato quattro gol in nove minuti e mezzo mentre Martinez, Smith, Stone e Amadio hanno segnato il 6-1.

Il gol di Amadio è arrivato a due secondi dalla fine e il pubblico di Las Vegas stava già cantando “Vogliamo la Coppa!”

Barbashev ha continuato la festa portando Vegas sul 7-1 vicino alla metà dell’ultimo periodo, e Sam Reinhardt e Sam Bennett della Florida hanno risposto pochi istanti dopo per mettere il gioco fuori portata.

Stone ha completato la sua tripletta con una rete vuota mentre Roy ha aggiunto un gol nel finale.

“Nei playoff siamo usciti dalla nostra classe di peso”, ha detto l’allenatore dei Panthers Paul Morris, che ha affrontato la gamba rotta di Ekblad, due lussazioni alla spalla e lacrime oblique nella postseason.

“Abbiamo battuto quattro squadre che hanno segnato più di 110 punti. Una ne aveva 135. Non è una scusa, non ne abbiamo bisogno. Questi ragazzi se la sono guadagnata bene. Hanno dato tutto quello che avevano”.

Segnalato da Frank Bingu a Toronto; Rapporti aggiuntivi di Steve Keating; Montaggio di Peter Rutherford

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *