Siete quì: Cinema Ascoli Piceno, Premi Ascoli Piceno > Rassegna del documentario Premio Libero Bizzarri

Rassegna del documentario Premio Libero Bizzarri

Pianeta Uomo
“raccontare il vero senza mai rinunciare al bello” (Vittorio De Seta)

13° RASSEGNA DEL DOCUMENTARIO PREMIO LIBERO BIZZARRI

San Benedetto del Tronto 23 – 30 Settembre 2006

Premio Bizzarri

Saranno i temi più scottanti della nostra realtà politica sociale -“PIANETA UOMO” – insieme alle retrospettive e ai doverosi riconoscimenti ai grandi Maestri della cinematografia italiana ed internazionale (Carlo Lizzani e Nelson Pereira dos Santos) e del giornalismo (Gianni Minà, la trasmissione televisiva RaiNews24 e quella radiofonica Fahrenheit), ad essere al centro della 13° rassegna del documentario Premio Libero Bizzarri che si svolgerà come di consueto a San Benedetto del Tronto dal 23 al 30 settembre 2006. La direzione artistica è affidata a Gualtiero De Santi, in giuria Mimmo Calopresti (presidente), Roberto Nepoti (critico cinem.”La Repubblica”), Graziella Galvani (attrice), Silvana Silvestri (crit.cinem. Il Manifesto), Enzo Grandinetti (direttore di fotografia).

Le immagini,vive, abrasive,non videodegradabili delle opere in concorso, si intrecciano con quelle prestigiose (e non poteva essere altrimenti!) delle grandi firme storiche cinematografiche nell’ambito delle celebrazioni degli Anniversari di Soldati, Rossellini, Visconti. Verrà anche ricordato il cinquantenario dell’Opera da Tre soldi di Bertold Brecht attraverso i bellissimi manifesti del Berliner Ensemble, esposizione che si affianca alla mostra su cent’anni di documentari sulla Sicilia.

PIANETA UOMO caratterizza il programma di questa edizione 2006 del Premio Bizzarri: una riflessione che vuole essere un dibattito su ciò che uno Stato laico deve garantire con giornate tematiche dedicate alla libertà di espressione, alla Resistenza che non si è certo esaurita 60 anni fa, alla migrazione intesa nella sua etimologia più ampia, all’indifferenza del mondo occidentale per i problemi dell’Africa e dei Paesi del quarto mondo, con una parentesi particolare all’adozione a distanza. Una settimana di grande confronto e dibattito su temi specifici che coinvolgono la nostra dimensione etico-sociale.

Il lavoro sull’attualità e sulla memoria troverà invece espressione nelle opere ispirate alla Resistenza (tra cui il raro “O sole mio” sulle Quattro giornate di Napoli), ma anche nei 15 DOC che partecipano al concorso e nella presentazione di “Bella Ciao”, il film sui fatti di Genova che darà luogo a un incontro di riflessione con la presenza di storici e giornalisti e di Giuliano Giuliani, per chiedere la costituzione di una Commissione d’inchiesta.

A tutto questo si deve aggiungere la grande e propulsiva partecipazione del mondo della scuola e dell’Università che amplia ed estende, in modo esponenziale,la cultura dell’immagine a quella platea sempre più di giovanissimi che affiancheranno, nelle mattinate a loro dedicate, l’impegnativo lavoro di didattica che la Fondazione sta portando avanti da diversi anni.

www.fondazionebizzarri.org
Per accrediti ed ospitalità:
Maria Teresa Antonelli
info@fondazionebizzarri.org

Comments

comments