Come gli attivisti in Libano stanno lottando per recuperare gli spazi pubblici

BEIRUT — Recentemente due bambini hanno dovuto arrampicarsi su un palo della luce e saltare una recinzione di ferro chiodata per raggiungere un parco a Karantina, un’area povera vicino al porto della città bombardato, perché il parco ha alberi e una palestra nella giungla. , è sempre chiuso.

È una storia che si ripete in tutto il Libano, dove le persone si stanno riprendendo dalla crisi economica e faticano a respirare, ma gli spazi aperti sono spesso chiusi, scarsi o riservati a chi può pagare.

“Non ci sono spazi pubblici in Libano. I giardini pubblici sono spesso chiusi e la maggior parte degli spazi sono di proprietà privata o richiedono il permesso del comune”, ha detto Maggie Najem, che sta lottando per mantenere aperta la sua spiaggia locale nel nord del Libano.

La crescente disuguaglianza del Libano e il potere degli interessi privati ​​hanno portato alla diminuzione degli spazi pubblici del paese, il tutto esacerbato dalla corruzione politica.

Molti hanno dovuto ricorrere a soluzioni temporanee. Vicino al parco di Karantina, i bambini hanno trasformato il parcheggio in un parco giochi.

“Non ci sono cure adeguate dove stanno i bambini”, ha detto Adnan Amshe, un genitore in quarantena.Il parco era inizialmente chiuso a causa delle restrizioni del coronavirus, ma non è ancora stato aperto, ha detto.

“Ora che la pandemia è finita, questo è l’unico spazio pubblico per le persone qui”, ha detto Amshe, osservando che i residenti anziani non hanno uno spazio esterno alternativo: “Non è questo lo scopo di un giardino pubblico?”

I bambini hanno trasformato questo parcheggio vicino allo spazio pubblico di quarantena chiuso di Beirut in un parco giochi improvvisato. (Video: Mohamed El Sama)

Mohammed Ayub, capo del gruppo di difesa dello spazio pubblico Nahnoo, dice che poco è cambiato da quando lui ei suoi amici giocavano negli spazi vuoti “come meglio potevamo” da bambini negli anni ’90. Ha detto che ora tutti i lotti liberi sono stati trasformati in parcheggi.

READ  ESCLUSIVO: Decine di dipendenti Mar-a-Lago, dai camerieri ai maggiordomi, documenti declassificati esaminati

Ayoub afferma di ritenere che la crisi finanziaria del Libano abbia poco a che fare con la pandemia, con le autorità che hanno chiuso l’Horsh Beirut, il parco più grande della città, per 25 anni e lo hanno riaperto solo parzialmente nel 2014.

Invece, incolpa i responsabili politici che, secondo lui, non sono interessati a fornire servizi pubblici o investire in parchi.

UN Studio 2020 Beirut ha 26 piedi quadrati di parcheggio per persona, rispetto a soli 8,6 piedi quadrati di spazio verde, in calo rispetto ai 97 piedi quadrati, secondo la stima del professore dell’Università libanese Adif Haider. Consigliato A cura dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Gli attivisti hanno preso in mano la situazione. Dopo che un birrificio è stato demolito nel quartiere Mar Michel, un tempo industriale e ora signorile, il sito è rimasto vacante fino all’intervento di Grobeiroud. Il gruppo ha piantato alberi e arbusti, installato panchine e trasformato il sito in quello che oggi è il Parco Lacisa, dal nome della birra del birrificio.

I proprietari del lotto hanno recentemente intentato una causa per sfrattare i suoi custodi e chiudere definitivamente il Lasisa Park.

Secondo Nadine Ghayat, professoressa di architettura del paesaggio all’Università americana di Beirut, gli spazi migliorati hanno spesso vita breve: “I bambini adattano il parcheggio vivendo nell’area e possono usarlo solo fino a quando il proprietario non decide. È un momento di crescita e i bambini perdono il loro posto.

Un movimento simile esiste lungo la costa libanese, dove Ayoub stima che l’80% della terra, nominalmente di pubblico dominio, sia stata illegalmente privatizzata da stabilimenti balneari e resort. Per anni Najem ha temuto che questo sarebbe stato il destino della spiaggia pubblica di Abu Ali, nel nord del Libano, un luogo che aveva visitato ogni giorno fin dall’infanzia. I suoi timori sono stati confermati ad aprile, quando sono arrivati ​​i lavoratori edili con gli escavatori.

READ  L'Oklahoma porta lo stato della Florida al suo terzo titolo consecutivo di softball NCAA

Apo Ali è una piccola distesa di sabbia incastonata tra resort privati. Non c’è accesso diretto alla spiaggia, quindi i bagnanti devono camminare lungo una passerella scivolosa in un lotto vuoto per arrivarci. Ma questo non li tiene lontani.

“In qualsiasi giorno dell’anno la spiaggia è piena di gente di ogni estrazione sociale e da tutte le parti del mondo. Questa è la bellezza. È uno spazio pubblico”, ha detto Najem. “Volevano cambiare tutto questo.”

Abo Ali, una piccola spiaggia nel nord del Libano, è un luogo pubblico, ma i bagnanti devono camminare lungo una passerella scivolosa in un terreno vuoto per arrivarci. (Video: Mohamed El Sama)

Un investitore che aveva affittato il terreno circostante ha rivendicato Abu Ali.

La gente del posto e gli attivisti come Najem hanno iniziato a mobilitarsi per salvare la spiaggia. Hanno contattato Nahnu e hanno rapidamente lanciato una campagna contro l’accaparramento di terre. Dopo che i loro sforzi hanno attirato l’attenzione diffusa, i funzionari si sono mossi per fermare la costruzione.

Questa è una piccola vittoria in mezzo a tante di queste sfide. Due settimane fa, è stata segnalata la costruzione illegale lungo la spiaggia di Naqora, nel Libano meridionale, dove un accordo di confine marittimo mediato dagli Stati Uniti tra Israele e Libano consente agli sviluppatori di concentrarsi sul terreno sul lungomare.

Si discute anche su chi dovrebbe essere autorizzato a utilizzare parchi, piscine e altri spazi pubblici, spesso alimentati da pregiudizi.

Ad aprile, le riprese di bambini siriani che nuotavano nel centro di Beirut, che rispecchiavano una piscina dedicata al giornalista ucciso Samir Kassir, hanno spinto i funzionari della città a scatenare attacchi razzisti contro i rifugiati siriani. Svuota lo stagno.

READ  La Corte Suprema sostiene il Voting Rights Act, il Congresso dell'Alabama elimina la mappa

I progetti pedonali si sono bloccati nell’area in cui è avvenuto il bombardamento vicino a Lachisa Park, uno dei quartieri dei bar più frequentati della capitale libanese. I politici locali si sono lamentati del fatto che l’ampliamento degli stretti marciapiedi eliminerebbe i parcheggi e le panchine installate al loro posto attirerebbero “indesiderabili”.

Tali lotte tra interessi pubblici stanchi e interessi privati ​​più potenti potrebbero fare molto per determinare il futuro del Libano, afferma Gayath.

“Gli spazi pubblici sono un veicolo per riunire le persone”, ha detto. “Più riunisci persone diverse, più riconosceranno l’umanità l’una dell’altra e abbiamo una comunità coesa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *