Dopo 3 mesi di vagabondaggio, un uomo e il suo cane vivevano di pesce crudo finché non furono salvati: NPR

L’australiano Timothy Lyndsay Shaddock, insieme al presidente del Grupo Mar Antonio Suarez, a sinistra, e al capitano della tonnara messicana “Maria Delia” Oscar Meza Origo, danno un pollice in alto durante una cerimonia di benvenuto dopo essere stati salvati dal mare e arrivati ​​al porto di Manzanillo, in Messico, martedì 20 marzo 2018.

Fernando Pianura/AP


Nascondi titolo

Cambia il titolo

Fernando Pianura/AP

L’australiano Timothy Lyndsay Shaddock, insieme al presidente del Grupo Mar Antonio Suarez, a sinistra, e al capitano della tonnara messicana “Maria Delia” Oscar Meza Origo, danno un pollice in alto durante una cerimonia di benvenuto dopo essere stati salvati dal mare e arrivati ​​al porto di Manzanillo, in Messico, martedì 20 marzo 2018.

Fernando Pianura/AP

MANZANILO, Messico – Un marinaio australiano salvato da una tonnara messicana dopo tre mesi alla deriva con il suo cane ha detto martedì di essere grato di essere vivo dopo aver messo piede sulla terraferma per la prima volta dall’inizio del loro calvario.

Timothy Lyndsay Shaddock, 54 anni, è sbarcato a Manzanillo, in Messico, dopo essere stato esaminato sulla Maria Delia, la barca che lo ha salvato.

“Mi sento benissimo. Molto meglio di quello che sono stato, te lo dico io”, ha detto Shaddock sorridente, barbuto e magro ai giornalisti al molo della città portuale, 210 miglia (337 chilometri) a ovest di Città del Messico.

“Sono così grato al capitano e alla compagnia di pesca per avermi salvato la vita. Sono vivo, non pensavo di farcela”, ha detto Shaddock, che ha detto che lui e il suo “fantastico” cane, Bella, stanno andando bene.

READ  I documenti trapelati descrivono in dettaglio le lotte militari della Russia e gli sforzi di spionaggio degli Stati Uniti

Shaddock si descrive come una persona tranquilla a cui piace stare da solo in mare. Alla domanda sul perché fosse partito ad aprile per attraversare l’Oceano Pacifico dalla penisola messicana di Baja alla Polinesia francese, inizialmente era perplesso.

“Non sono sicuro di avere la risposta a questo, ma mi piace molto navigare e amo la gente del mare”, ha detto. “La gente del mare è ciò che ci unisce tutti. Il mare è dentro di noi. Noi siamo il mare.”

Il catamarano dell’uomo di Sydney è partito dalla città messicana di La Paz ma è stato paralizzato dal maltempo. Ha detto che l’ultima volta che ha visto terra è stato all’inizio di maggio quando ha navigato dal Mare di Cortez al Pacifico. C’era la luna piena.

Shaddock ha detto che era ben organizzato, ma una tempesta ha messo fuori combattimento le sue capacità di elettronica e cucina. Lui e Bella sono sopravvissuti al pesce crudo.

“Ci sono stati molti, molti, molti giorni brutti e molti giorni buoni”, ha detto.

“L’energia, la fatica è la parte più difficile”, ha detto. Ha passato il tempo a sistemare le cose e rimanere positivo entrando in acqua per “godersi di stare in acqua”.

Quando l’elicottero della Tuna Boat ha avvistato il catamarano di Shaddock a 1.200 miglia (1.930 chilometri) da terra, Shaddock ha detto che era il primo segno di esseri umani che vedeva in tre mesi. Il pilota gli ha gettato da bere, poi è volato via, poi è tornato in motoscafo dalla Maria Delia, ha detto.

Grupomer, che gestisce la flotta peschereccia, non ha detto quando è avvenuto il salvataggio. Ma ha detto in una dichiarazione che Shaddock e il suo cane erano in condizioni “sicure” quando sono stati trovati, senza cibo o riparo, e che l’equipaggio della Tuna boat ha fornito loro cure mediche, cibo e idratazione.

READ  Vaticano: Papa ok a lasciare ospedale, mangiare pizza, battezzare bimbo

Shaddock ha detto che la tonnara si è rivelata essere la sua terra, e Bella è stata immediatamente attaccata dalla troupe cinematografica. Ha anche spiegato come lui e il cane si sono incontrati.

L’equipaggio della tonnara messicana “Maria Delia” posa per le foto con il cane dell’australiano Timothy Lindsay Shaddock, Bella, dopo che entrambi sono stati salvati da un catamarano disabile nell’Oceano Pacifico, mentre la coppia tornava al porto di Manzanillo, in Messico, martedì luglio. 18, 2023.

Fernando Pianura/AP


Nascondi titolo

Cambia il titolo

Fernando Pianura/AP

L’equipaggio della tonnara messicana “Maria Delia” posa per le foto con il cane dell’australiano Timothy Lindsay Shaddock, Bella, dopo che entrambi sono stati salvati da un catamarano disabile nell’Oceano Pacifico, mentre la coppia tornava al porto di Manzanillo, in Messico, martedì luglio. 18, 2023.

Fernando Pianura/AP

“Bella mi ha trovato nel mezzo del Messico. È messicana”, ha detto. “È lo spirito del centro del paese e non mi lascerà andare. Ho provato tre volte a trovarle una casa e lei mi ha seguito fino all’acqua. È molto più coraggiosa di me, questo è sicuro.”

Forse per questo motivo, Bella non ha lasciato la barca finché Shaddock non è partito martedì. Aveva già scelto un membro del team di Mazatlán, Genaro Rosales, per adottarla a condizione che si prendesse cura del cane.

Shaddock ha detto che sarebbe tornato presto in Australia e non vedeva l’ora di vedere la sua famiglia.

Ci sono altre storie di estrema sopravvivenza in mare, ma non tutte finiscono felicemente.

READ  Scongiurato lo sciopero degli scuolabus a Framingham, continuano le trattative a Westboro

Nel 2016, un pescatore colombiano è stato salvato dopo due mesi alla deriva nell’Oceano Pacifico. Tre dei membri del suo equipaggio sono morti. È stato salvato da una nave mercantile a circa 2.000 miglia (3.220 chilometri) a sud-est delle Hawaii. Lui e altri stavano pescando al largo della costa della Colombia quando il motore del loro skiff si è rotto e sono stati gettati alla deriva.

Nel 2014, un pescatore salvadoregno si è arenato a Ebon, un piccolo atollo del Pacifico nelle Isole Marshall, dopo 13 mesi alla deriva in mare. José Salvador Alvarenga ha lasciato il Messico nel dicembre 2012 per una giornata di pesca degli squali. Ha detto che è sopravvissuto mangiando pesci, uccelli e tartarughe prima che la sua barca arrivasse a riva a 5.500 miglia (8.850 chilometri) di distanza.

In altri casi, le barche vengono ritrovate ma senza superstiti o si perdono del tutto.

Più di 20.000 migranti sono morti nel tentativo di attraversare il Mediterraneo verso l’Europa dal 2014, secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni.

Il presidente di Grupomar, Antonio Suarez, ha dichiarato martedì che questo potrebbe essere l’ultimo viaggio di Maria Delia mentre modernizza la flotta della compagnia e lo yacht è il più piccolo e ha più di 50 anni.

In tal caso, ha detto Suarez, sarebbe “un meraviglioso addio, salvando vite umane”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *