Il New York Times sta sciogliendo il suo dipartimento sportivo

Lo scorso novembre, il Times ha assunto Steven Ginsberg, caporedattore del Washington Post, come caporedattore di The Athletic. A giugno, The Athletic ha licenziato quasi 20 giornalisti e trasferito più di 20 a nuovi lavori. Il punto vendita non assegnerà più almeno un reporter di beat a ciascuna squadra sportiva, hanno affermato i suoi dirigenti.

L’acquisizione di The Athletic ha sollevato interrogativi sul futuro del dipartimento sportivo del Times, che comprendeva molti illustri giornalisti. C’era una rubrica di Sports of the Times Iniziato da John Kieran nel 1927, in seguito incluse un gruppo di illustri scrittori tra cui Robert Lipside, William Roden, Harvey Aradan, George Vecchi e Ira Berkow.

Tre editorialisti di Sports of the Times, Arthur Daly, Red Smith e Dave Anderson, hanno vinto i premi Pulitzer per i loro scritti sportivi. Un altro giornalista sportivo, John Branch, vinto Josh Haner ha vinto il Premio Pulitzer 2013 per il suo lungometraggio su una valanga mortale nello stato di Washington e il Feature Photography Prize 2014 per aver documentato il salvataggio di un sopravvissuto all’attentato alla maratona di Boston.

Negli ultimi anni, con l’ascesa dei media digitali, il dipartimento sportivo del Times ha iniziato a ridimensionarsi, così come molti quotidiani nazionali e locali. La divisione ha perso la sua sezione di stampa giornaliera separata. Non a tutte le squadre locali viene assegnato un beat reporter. I segni della scatola sono scomparsi.

Domenica scorsa, una giuria di quasi 30 membri dell’ufficio sportivo del Times, l’editore del Times, Mr. Una lettera a Kahn e AG Sulzberger ha rimproverato la società per aver lasciato il suo staff sportivo “torto al vento” da quando ha acquistato The Times. Atletico.

READ  Aaron Gordon guida i Nuggets alla vittoria in Gara 4, 3-1 in vantaggio su Heat nelle finali NBA

Sig. Khan e altri membri della testata del The Times si sono incontrati lunedì con l’ufficio sportivo. L’incontro è stato controverso, secondo due persone presenti, con i giornalisti sportivi che hanno chiamato Mr. Khan è stato pressato sul motivo per cui non aveva rivelato di più sui piani dell’azienda. Mr. Masthead era in attesa di condividere l’intero progetto e l’organizzazione ha lavorato duramente per trovare lavoro per tutti. Khan ha detto che quello che stavano dicendo era “ingiusto”, hanno detto i due.

In una e-mail alla società lunedì, l’amministratore delegato del Times, Mr. Sulzberger e Meredith Kobit Levien, “Anche se sappiamo che questa decisione deluderà alcuni, crediamo che sia quella giusta per i lettori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *