Nella registrazione audio, si sente Trump discutere di un documento delicato sull’Iran

Il Washington Post ha ottenuto una registrazione audio del 2021 in cui l’ex presidente Donald Trump sembra vantarsi di avere un documento classificato relativo all’Iran che ammette di non aver declassificato prima di lasciare l’incarico.

La registrazione, effettuata durante una riunione al golf club di Trump a Bedminster, NJ, è stata una prova critica ottenuta dal consigliere speciale Jack Smith. Sembra minare le affermazioni di Trump secondo cui aveva declassificato documenti prima di lasciare l’incarico o che non era a conoscenza del suo possesso di documenti riservati dopo aver lasciato la Casa Bianca.

Il nastro, citato nell’accusa federale contro Trump, è andato in onda lunedì CnnTrump descrive in dettaglio gli aspetti del documento di più pagine che secondo lui potrebbe attaccare l’Iran.

“Guarda, come presidente avrei potuto classificarlo, ora non posso. … Non è interessante? È piuttosto interessante”, ha detto Trump nella registrazione.

Trump deve affrontare 37 accuse penali relative alla cattiva gestione di documenti classificati. In una recente intervista, Trump ha affermato di non sapere che il dossier sull’Iran fosse tra gli oggetti nelle scatole recuperate dall’FBI e dal Dipartimento di Giustizia a Mar-a-Lago, il suo club privato e la sua casa in Florida. Ha continuato dicendo che tutto ciò che ha portato con sé è stato classificato. Si è dichiarato non colpevole all’inizio di questo mese durante un processo presso il tribunale federale di Miami.

L’accusa di 49 pagine dei pubblici ministeri delinea due casi in cui Trump ha divulgato documenti sensibili in ambienti non protetti a persone che non avevano le autorizzazioni di sicurezza necessarie per accedere a informazioni post-presidenziali classificate. Il secondo evento dettagliato nell’accusa è un incontro di agosto o settembre 2021 in cui Trump ha mostrato a un rappresentante anonimo della sua squadra di azione politica una mappa classificata del “Paese B” e ha detto all’individuo che non avrebbe dovuto condividere la mappa.

READ  Set delle quattro squadre delle finali maschili NCAA: NPR

Nell’accusa viene citata una registrazione audio che descrive un incontro del luglio 2021 che Trump ha avuto nel suo club di golf di Bedminster con due dipendenti, nonché l’editore e autore di un libro in uscita. Le persone che hanno familiarità con la questione hanno affermato che il libro è un libro di memorie di Mark Meadows, capo dello staff di Trump.

Meadows ha raccontato la scena nel suo libro, “The Chief’s Chief”, in cui ha descritto un documento di quattro pagine che ha detto essere il piano di Trump per un’invasione dell’Iran, e che il Dipartimento della Difesa e il generale Mark A. Ha detto che è stato scritto da Millie. dei capi di stato maggiore congiunti. A quel tempo, Milley era un bersaglio frequente dell’ira di Trump, e l’ex presidente sperava di respingere articoli e libri che Milley descriveva come tentativi di dissuadere Trump da un’azione militare sconsiderata in Iran.

Ex funzionari militari avevano precedentemente dichiarato a The Post che Milley non raccomandava di attaccare l’Iran. Ma era routine per il Pentagono preparare promemoria che delineassero varie opzioni militari per rispondere a un avversario straniero, hanno detto persone che hanno familiarità con i briefing di Milley al presidente. Il Pentagono aveva un promemoria che chiedeva un attacco militare all’Iran, ma non è stato scritto da Milley, hanno detto.

Durante la registrazione di quasi due minuti, Trump descrive un documento come “altamente riservato” prima di dire: “Si tratta di informazioni riservate”. A un certo punto dice: “Non mi hai creduto, ma ora sì. È incredibile. “

L’audio contraddice anche ciò che Trump ha detto al conduttore di Fox News Bret Baier in un’intervista andata in onda la scorsa settimana. Nell’intervista, Trump ha negato di aver fatto riferimento a un documento reale durante la conversazione a Bedminster; Invece, ha detto che stava discutendo di “storie di giornali, storie di riviste e articoli”.

READ  Nel caso Sam Bankman-Fried, gli Stati Uniti ritirano le nuove tariffe

Il giudice Eileen M. Cannon dovrebbe tenere un’udienza preliminare sul caso il 14 luglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *