Siete quì: Cultura Pesaro e Urbino > Gradara

Gradara

gradara1Il castello di Gradara (eletto fra i borghi più belli d’Italia) sorge su un promontorio panoramico vicinissimo al mare. La rocca, le mura, il borgo antico costituiscono un insieme urbanistico e architettonico che offre, già da lontano, un suggestivo colpo d’occhio. L’atmosfera originaria di Gradara è ben conservata nelle imponenti fortificazioni volute dai Malatesta, poi passate sotto i domini degli Sforza e dei Della Rovere. Nella rocca la leggenda vuole si sia consumato il tragico amore tra Paolo e Francesca così come ricordato nel V Canto dell’Inferno dantesco. Una visita meritano la Rocca e le sue sale, la ‘camera di Francesca’, un importante affresco con scene di battaglia, diversi dipinti del XV secolo, la cappella con preziose ceramiche dei Della Robbia e lo spettacolare giro dei camminamenti di ronda. Tutte le stradine del borgo offrono una piacevole passeggiata e diverse vedute sulle valli circostanti. Gradara ospita diverse manifestazioni.
Numerosi sono i luoghi di ristoro. Eccellente la produzione vinicola del suo territorio.
Gradara è una cittadina di impianto medievale, tutta chiusa nel suo celebre castello, teatro del tragico amore di Paolo e Francesca, descritto da Dante nel V Canto dell’Inferno.
gradara2La sua rocca fu un potente strumento di guerra ed è stata testimone degli eventi più illustri del suo passato millenario che possono essere evocati passando per il ponte levatoio, visitando l’armeria e la sala della tortura.
La località si distingue per l’eccezionale integrità e compattezza del nucleo abitativo antico. Buona la fruibilità degli attrattori più importanti, tutti visita bili secondo orari e modalità adeguati. Apprezzabile la pedonalizzazione dell’intero centro storico e la presenza di un adeguato numero di parcheggi all’esterno della cinta muraria., oltre alla disponibilità di numerosi servizi (strutture ricettive, ristoranti e negozi) inseriti all’interno di elementi architettonici tipici.gradara3

Manifestazioni:
Settembre:
Festival italiano dei giochi da tavolo

Da vedere:
La Rocca, iniziata nel XIII secolo, ha una suggestiva cinta muraria eretta nel XIV secolo.
La costruzione è uno dei migliori esempi di architettura militare del medioevo con torri agli angoli e poderoso mastio. E’ in perfetto stato di conservazione in tutti i suoi ambienti che contengono anche notevoli opere d’arte.
Da visitare la cappella con una terracotta di Andrea della Robbia nell’altare, gli appartamenti rinascimentali e la camera di Paolo e Francesca.

Comments

comments