Le azioni asiatiche sono scese poiché i dati ottimistici cinesi non hanno impressionato

SYDNEY, 18 aprile (Reuters) – Le azioni asiatiche si sono indebolite martedì, spazzando via un rialzo anticipato dai dati economici cinesi migliori del previsto, poiché i segnali di un rallentamento della ripresa del Paese hanno danneggiato il sentiment degli investitori.

Il più ampio indice MSCI di azioni dell’Asia-Pacifico al di fuori del Giappone ( .MIAPJ0000PUS ) è sceso dello 0,5%, una perdita maggiore rispetto allo 0,27% del giorno precedente.

L’economia cinese è cresciuta del 4,5% su base annua nel primo trimestre, eclissando le aspettative della maggior parte degli economisti.

Le valute di Australia e Nuova Zelanda, che dipendono dalla domanda di esportazioni dalla Cina, sono entrambe salite dopo i dati sul PIL.

Nonostante un certo slancio iniziale nei mercati più ampi, i dati migliori del previsto non sono riusciti a innescare un rally sostenuto delle azioni regionali.

Martedì l’indice Hang Seng di Hong Kong (.HSI) è sceso dello 0,85%, trascinato al ribasso dai titoli di consumo e tecnologici. L’indice cinese bluechip CSI300 (.CSI) è stato leggermente superiore, salendo dello 0,08%.

Le azioni australiane ( .AXJO ) sono scese dello 0,45%. L’indice azionario giapponese Nikkei (.N225) è stato il migliore nella regione, con un rialzo dello 0,55%.

Nonostante i forti risultati principali, gli analisti hanno affermato che la performance di mercato mista è il risultato di alcuni dati fondamentali cinesi che sono scesi al di sotto delle aspettative.

I dati separati sull’attività cinese pubblicati martedì hanno mostrato un’accelerazione della produzione industriale, ma la crescita degli investimenti in immobilizzazioni ha rallentato inaspettatamente.

“Il numero del titolo è stato una sorpresa positiva e nel complesso è stato un buon insieme di numeri, anche se incoerenti, che si riflette nella risposta dei mercati”, ha affermato David Chau, stratega del mercato globale per l’Asia Pacifico presso Invesco.

READ  Super Mario Bros. I preordini di film in DVD, Blu-ray e 4K Steelbook sono ora disponibili

“La tesi del mercato è che la Cina sta uscendo dalla pandemia e la crescita sarà trainata dai consumi. Anche se la ripresa è sulla buona strada, non credo che la crescita economica supererà le aspettative rispetto a quanto visto finora”.

Zhou ha affermato che i deboli investimenti immobiliari nel trimestre indicano che il settore in difficoltà non si è ripreso e potrebbe frenare la crescita economica della Cina quest’anno.

“Penso che i numeri dimostrino che l’obiettivo di crescita del 5% sarà raggiunto, ma quanta crescita oltre continuerà ad esserci nel mercato immobiliare”, ha affermato.

La crescita del PIL dovrebbe salire al 5,4% nel 2023, un sondaggio Reuters della scorsa settimana ha mostrato, in calo rispetto al 3,0% dello scorso anno, una delle peggiori performance in quasi mezzo secolo a causa della pandemia.

Il governo cinese ha fissato un obiettivo di crescita economica del 5% per quest’anno dopo aver mancato l’obiettivo del 2022.

Nel commercio asiatico, il rendimento del titolo di riferimento del Tesoro decennale è salito al 3,5889% lunedì, rispetto alla chiusura negli Stati Uniti del 3,591%.

I rendimenti a due anni hanno toccato il 4,1773%, rispetto a una chiusura USA del 4,188%, in aumento sulla base delle aspettative degli operatori che i tassi dei fondi Fed saranno più alti.

Altrove, la banca centrale australiana ha considerato di alzare i tassi per l’undicesima volta ad aprile prima di decidere una pausa, ma è pronta a stringere ulteriormente se l’inflazione e la domanda non si allentano, hanno mostrato i verbali della riunione di aprile della Reserve Bank of Australia.

Nei primi scambi europei, i futures Euro STOXX 50 sono saliti dello 0,16% a 4.322, i futures DAX tedeschi sono saliti dello 0,13% a 15.951 e i futures FTSE sono saliti dello 0,16% a 7.893.

READ  Un'eclissi solare totale attraverserà gli Stati Uniti tra un anno: l'8 aprile 2024

I futures su azioni statunitensi, gli e-mini S&P 500, sono scesi dello 0,08% a 4.173,3.

È salito dello 0,02% a 134,49 contro il dollaro, ancora a una certa distanza dal 137,91 toccato a marzo di quest’anno.

La moneta unica europea è salita dello 0,1% a 1,0929 dollari, in rialzo dello 0,89% in un mese, e l’indice del dollaro, che traccia il biglietto verde contro un paniere di valute di altri principali partner commerciali, è sceso a 102,03.

Il greggio statunitense è salito dello 0,27% a 81,05 dollari al barile. Il greggio Brent è salito a 85 dollari al barile.

I prezzi dell’oro sono leggermente aumentati a $ 1999,45 l’oncia.

Segnalazione di Scott Murdoch a Sydney; Montaggio di Himani Sarkar

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *